Attentato a Lanusei
Cronaca
Scritto da Administrator   
Mercoledì 26 Marzo 2014 12:10

 

attantato

Una bomba è esplosa, ieri mattina a Lanusei, colpendo a morte Roberto Aresu. Un episodio che è stato prontamente definito mafioso, per le modalità con le quali si è verificato. Secondo le prime ricostruzioni, la deflagrazione, avvenuto verso le ore 10.30,  è stata causata da un carico di esplosivo ad alto potenziale collegato al circuito elettrico dell’automobile ed innescato al momento dell’accensione del motore. La vittima, un quarantasettenne di Lanusei, agli arresti domiciliari per truffa, ha subìto l’immediata perdita degli arti inferiori ed è morto dissanguato sotto gli occhi dei soccorritori, che non hanno potuto fare nulla per salvarlo. Lo scoppio è stato sentito a diversi chilometri dalla stradina tra via Bingiarena e via Umberto, in zona villaggio Fiaschetti, dove era parcheggiata l’auto e l’onda d’urto ha causato danni ai vetri del Consorzio agrario poco distante.

Le indagini appena cominciate vedono impegnati il dirigente della questura di Nuoro Fabrizio Mustaro ed il magistrato titolare dell’inchiesta Nicola Giua Marassi, che per il momento si sono limitati a descrivere la ricostruzione dell’episodio e la scena del delitto, mentre nei media già si parla di attentato in stile mafioso trattandosi di una bomba che colpisce “per uccidere senza mirare al bersaglio”. Per le autorità investigative è  ancora prematuro muovere ipotesi sull’autore ed alimentare quelle sul movente, secondo alcuni legato all’attività di rivendita auto, di cui Aresu ancora si occupava nelle due ore di permesso quotidiane, e che gli aveva già portato una condanna ai domiciliari per truffa. 

Inquietanti le analogie con l’esplosione della Fiat Punto di Sandro Mereu ad Ilbono nell’inverno scorso. Il fratello dell’assessore Luigi Mereu, già vittima di atti intimidatori, subì un attentato del tutto simile, ma si salvò, così come anche la moglie dell’assessore, che in un attentato ancora precedente perse, a sua volta, la sua auto tra le fiamme. Stesse modalità, ma ancora da chiarire i collegamenti tra i vari episodi e soprattutto se la morte di Aresu sia stata un regolamento di conti con l’interessato o un avvertimento a persone a lui vicine. 

 
Share on Myspace
Condividi su Facebook OkNotizie
Editore Primaidea Srl

CSS Valido!

Tortoli Notizie