Arbatax 2000. Arriva la prescrizione per Grauso
Cronaca
Scritto da Administrator   
Venerdì 07 Marzo 2014 10:11

 

nikygrauso

L’ex editore Nichi Grauso non andrà in carcere. L’ha deciso la Corte di Cassazione annullando, per intervenuta prescrizione, la sentenza della Corte d’Appello di Cagliari del 23 settembre 2011 che condannava Grauso  a sette anni e otto mesi di carcere per la bancarotta della società Arbatax 2000. Le accuse andavano a vario titolo dalla bancarotta fraudolenta ad altri reati legati al fallimento, nonché al conflitto di interessi tra la società esposta e l’Unione Sarda, società creditrice, anch’essa di proprietà di Nichi Grauso.  I primi problemi per la società risalgono agli anni novanta, quando Arbatax 2000, nata per rilanciare l’attività della cartiera, iniziò ad accumulare debiti - 25 miliardi di lire accertati dal giudice fallimentare– e la Procura decise di prendere in mano il procedimento. Le condanne arrivarono al secondo grado di giudizio, nell’estate del 2011 e riguardarono a vario titolo anche altri cinque imputati. Sempre la Cassazione, con la sentenza di mercoledì scorso, ha ridotto a tre anni la pena per Antonangelo Liori, responsabile amministrativo insieme a Grauso della società e l’unico condannato già in primo grado, ed ha imposto ai due ex soci l’obbligo di rispondere civilmente degli effetti della bancarotta. 

Ultimo aggiornamento Venerdì 07 Marzo 2014 10:16
 
Share on Myspace
Condividi su Facebook OkNotizie
Editore Primaidea Srl

CSS Valido!

Tortoli Notizie