Tortoweekend Esteri. Non ci sarà la Siria dopo Assad
TortoWeekend
Sabato 20 Aprile 2013 08:01

 

james-clapperNon ci sarà la Siria dopo Assad. Il Paese sarà diviso secondo criteri geografici, etnici e religiosi. E gli islamisti radicali sono la forza principale della regione.
E' quanto ha dichiarato il direttore della National Intelligence degli Stati Uniti, James Clapper.

La prima domanda è come mai Clapper l'abbia capito solo - o proprio - ora.

James Clapper ha delineato le sue previsioni sullo sviluppo del conflitto siriano nel suo discorso ai membri del Congresso, ponendo l'attenzione sui gruppi islamici radicali.
In realtà gli analisti della politica hanno da tempo riconosciuto gli stretti legami tra i servizi segreti degli Stati Uniti e i gruppi più radicali (tra cui Al-Qaeda).

I recenti avvenimenti in Medio Oriente e Nord Africa, "la primavera araba, sono un esempio di questa cooperazione. Eventi promossi da Washington e dai suoi alleati, le rivoluzioni hanno portato al potere le forze radicali - come in Libia e in Egitto, con i Fratelli Musulmani."

I funzionari siriani che vivono a Istanbul e al Cairo sono solo una "facciata civilizzata" dell'opposizione; ma, in realtà, il potere all'interno della coalizione appartiene alle forze radicali, precisa un esperto del Centro di Studi Arabi dell'Istituto di Studi Orientali.

"In Siria, il sostegno islamista continua. L'Occidente vuole cacciare Bashar al-Assad. Questa è la stessa politica che ha perseguito l'Occidente durante la guerra civile in Afghanistan nel 1980. Abbiamo poi cercato di usare forze radicali per scopi politici. L'Occidente considera che, dopo la partenza di Assad, la Siria scomparire dalla mappa del Medio Oriente. Dopo di che, per l'Occidente sarà più facile attaccare l'Iran", aggiunge.

Ma sembra che Washington inizi a capire che la situazione è fuori controllo negli Stati Uniti.

Decine di miliardi di dollari sono stati spesi, concentrati su alcune forze politiche. Gli Stati Uniti non vogliono perdere la facciata di supporto, ma l'ostinazione degli americani sarà troppo costosa in fatto di vite umane.

Gli Stati Uniti sono fiduciosi nel fatto che la posizione della Russia impedirà loro di attuare i loro progetti nella regione.
 
Fonte: Syria - l'altra faccia della rivolta

 
Share on Myspace
Condividi su Facebook OkNotizie
Editore Primaidea Srl

CSS Valido!

Tortoli Notizie